Home » News » Il mercatino del gusto di Maglie diventa “maggiorenne” nel segno della bellezza

Il mercatino del gusto di Maglie diventa “maggiorenne” nel segno della bellezza

Michele Bruno, Giacomo Mojoli e l’assessore Loredana Capone presentano alla BIT di Milano la diciottesima edizione di una delle manifestazioni dedicate alla cultura enogastronomica più longeve e importanti d’Italia. Dal 1 al 5 agosto 2017 a Maglie, in provincia di Lecce, la Puglia metterà in mostra la sua identità, l’integrazione perfetta con le altre culture, la biodiversità e la qualità.

La bellezza” sarà il filo conduttore della diciottesima edizione del Mercatino del Gusto di Maglie, in provincia di Lecce, che si terrà dal 1 al 5 agosto 2017 nel centro storico del paese salentino. La presentazione di una delle manifestazioni dedicate alla cultura enogastronomica più longeve e importanti d’Italia si terrà domenica 2 aprile alle 10 nel Padiglione Puglia della Bit, la Borsa Internazionale del Turismo in programma a Milano dal 2 al 4 aprile. Ogni anno, durante il Mercatino del Gusto, per cinque giorni, la Puglia mette in mostra la sua identità, l’integrazione perfetta con le altre culture, la biodiversità e la qualità. All’incontro interverranno Loredana Capone (assessore all’Industria Turistica e Culturale e allo Sviluppo economico della Regione Puglia), Michele Bruno(ideatore del Mercatino del Gusto), Giacomo Mojoli (giornalista e strategy design del Mercatino del Gusto) e Daniela Talà (presidente ArtinSalento).Laboratori e presentazioni di libri, degustazioni guidate, musica dal vivo, cocktail e dj set, appuntamenti dedicati ai bambini e spettacoli di danza, piazze dedicate al vino, alla birra, all’olio extravergine d’oliva, cene itineranti, cibo da strada, prodotti gluten free e frutta, presidi e comunità, dolci, caffè e gelato, pizza e pasta sono alcuni degli ingredienti del ricco menù del Mercatino del Gusto. Organizzato dall’omonima associazione (presieduta da Salvatore Santese) con il sostegno di numerosi partner pubblici e privati, il Mercatino sarà, come ogni anno, una vera esperienza dei sensi che coinvolge gli appassionati e i cultori del buon cibo, i curiosi e i turisti provenienti da tutto il mondo. In agosto migliaia di turisti scelgono il Salento e le sue bellezze paesaggistiche, culturali e architettoniche anche per non perdere l’occasione di partecipare a questo vero e proprio raduno del gusto. Chi visita il Mercatino del Gusto ha la possibilità di fare un viaggio da nord a sud della regione passeggiando tra le circa 100 bancarelle allestite nel centro storico di Maglie, incontrando gli espositori, dialogando con loro e soprattutto assaporando i prodotti eccellenti dell’enogastronomia. I produttori presenti sono i migliori interpreti della tradizione, hanno saputo recuperare antichi sapori ma operano guardando al futuro sempre attenti alla sostenibilità ambientale, sociale e ai nuovi stili di consumo.

Dopo “La cura” e “La gioia” la cinque giorni ruoterà attorno al tema della bellezza, nel senso più strategico e contemporaneo del suo valore e significato. “La bellezza” delle cose, dei gesti, delle idee e, soprattutto, la bellezza della Puglia, dei suoi castelli, delle sue torri d’avvistamento, delle sue masserie fortificate, dei suoi trulli, dei suoi ulivi monumentali, dei suoi vigneti, del suo mare, per non parlare del cibo, dell’ospitalità delle sue genti, della voglia di emergere dei suoi giovani. Il Mercatino del Gusto rappresenta un osservatorio sulla cultura enogastronomica pugliese: in questi anni la manifestazione è stata testimone della crescita e dello sviluppo del settore, convogliando nella sua programmazione l’eccellenza delle produzioni regionali, le nuove tendenze e le realtà emergenti. L’evento magliese si distingue dalle numerose iniziative estive per l’attenzione ai contenuti e ai messaggi da promuovere: esalta la territorialità, rigetta l’omologazione e l’appiattimento delle produzioni.

“Apparentemente il mondo del turismo enogastronomico è continuamente alla ribalta, eppure, mai come in questo momento è necessario ri-trovare un filo conduttore che ci permetta di leggere con precisione la realtà dello scenario socio-economico contemporaneo, per ritornare positivamente a progettare il futuro”, sottolineano Michele Bruno e Giacomo Mojoli. “Sono cambiati i linguaggi, come pure i mercati sono in continua evoluzione con la prerogativa di essere analizzati con occhi e prospettive differenti. Ne consegue che le modalità per promuovere il territorio non possano più basarsi su modelli di comunicazione, prototipi d’eventi e manifestazioni, rimasti ancorati ad un recente passato che non esiste più. Non c’è più tempo da perdere. Bisogna trovare narrazioni nuove, e, soprattutto, occorre sintonizzarsi con un’aggiornata sensibilità per raccontare, far conoscere e, perché no, commercializzare meglio il sistema turismo-enogastronomia come  valore aggiunto del territorio. Per questi motivi che il “Mercatino del Gusto”, dopo aver intercettato per primo le potenzialità culturali, paesaggistiche, gastronomiche ed enologiche di un territorio, intende oggi diventare un “Laboratorio di idee” per una nuova e multidisciplinare visione della Puglia e della sua promozione”.

Comments are closed.