Home » News » Steve McCurry Icons – Castello di Otranto (Le)

Steve McCurry Icons – Castello di Otranto (Le)

 

Icons” di Steve McCurry è la mostra che raccoglie in oltre 100 scatti il meglio della vasta produzione di uno dei massimi fotografi e fotoreporter del nostro tempo. Una mostra imperdibile, allestita dal 19 giugno al 2 ottobre ad Otranto, presso il Castello Aragonese.

Un viaggio intorno al mondo attraverso i suoi scatti, dall’India in Afghanistan, da dove veniva Sharbat Gula, la ragazza che ha fotografato nel campo profughi di Peshawar in Pakistan e che è diventata una icona assoluta della fotografia mondiale.

 La mostra è arricchita da una audioguida in cui McCurry illustra personalmente la sua esposizione;  inoltre sarà possibile anche assistere ad un video di Nationl Geographic in cui si racconta come, dopo lunga ricerca, si è riusciti a rintracciare Sharbat Gula, a 17 anni di distanza dallo scatto: la ragazza afghana oggi diventata adulta.

“Icons” sarà aperta tutti i giorni dalle 10 alle 24 (la biglietteria chiude un’ora prima della chiusura del Castello).  La mostra sarà visitabile con il biglietto d’ingresso del Castello: intero 10 euro; ridotto 8,50; 5 euro per ragazzi dagli 11 ai 18 anni e residenti nel Comune di Otranto; gratuito per i minori fino a 10 anni, disabili, guide turistiche con patentino. L’audioguida è disponibile in italiano e inglese.

Con le sue immagini il fotoreporter statunitense ci pone in contatto con le etnie più lontane e con le condizioni sociali più disparate, consentendoci di conoscere da vicino un mondo che è destinato a grandi cambiamenti.

La mostra inizia con una straordinaria serie di ritratti e si sviluppa tra immagini di guerra e di poesia, disofferenza e di gioia, di stupore e di ironia.

In una audioguida Steve McCurry racconta in prima persona molte delle foto esposte.

La mostra “Steve McCurry. Icons”, accompagnata da un catalogo curato da Biba Giacchetti, è promossa dal Comune di Otranto ed è organizzata da Civita Mostre in collaborazione con SudEst57.

 

FONTE: BitCulturali

Comments are closed.